Die Masken der Roller und Scheller des Schemenlaufens in Imst.

Musei ed attrazioni che amo più in Tirolo

------

Il tempo in maggio non è stato dei migliori. Ma la cosa bella è che il Tirolo offre una moltitudine di musei interessanti e di attrazioni che vale assolutamente la pena visitare. E non parlo solo della zona di Innsbruck!

Esther

Esther Wilhelm è un’appassionata di ciclismo su strada. In... Sull’autore

Sono stata per esempio nella “Casa del Carnevale”, la Haus der Fasnacht a Imst proprio poco tempo fa. Il museo è situato in una antica fattoria nel centro del paese dichiarata patrimonio culturale e gli spazi interni sono stati rivisitati in chiave moderna. Sulle pareti troneggiano gigantesche maschere di legno, costumi, enormi figure, gigantografie ma quello che mi ha veramente colpito è stata la guida locale, una ragazza del posto che mi ha trasmesso tutta la passione per questa festa di carnevale che ha origini antichissime e viene sentita e vissuta da tutta la città. Purtroppo il museo è aperto solo il venerdì dalle ore 16 alle ore 19. Ma la visita è possibile su richiesta anche durante altri giorni e altri orari. Raccomando in ogni caso di farvi accompagnare da una guida.

Kübele Mai, Spritzer, Roller, Scheller, Sackner und Hexe sind die Hauptfiguren des Imster Schemenlaufens.

Le figure principali della sfilata tipica di Imst hanno nomi particolari che si riferiscono al costume: lo Spritzer o spruzzatore che schizza l’acqua, lo Scheller o suonatore che salta con enormi campane legate alla vita, e così via. Molto caratteristiche anche le streghe.

 

Mi è piaciuta molto anche la visita presso il Caseificio Erlebnissennerei Zillertal a Mayrhofen. Temevo di trovarmi in una trappola per turisti ma mi sono dovuta ricredere. La visita con l’audio guida è davvero interessante, anche per i bambini. I prodotti che vengono realizzati sul posto sono ottimi quindi suggerisco di fare anche un salto al ristorante o/e al negozio annesso. Da assaggiare soprattutto il cosiddetto “formaggio grigio” il Premium Graukäse. Si tratta di un formaggio saporitissimo con un basso contenuto di grassi molto amato dai tirolesi. Viene mangiato al naturale, oppure condito a mo’ di insalata o usato per preparare ottime zuppe. Il sapore è unico e inconfondibile. Provare per credere.

Una piacevole sorpresa per me è stata la HolzErlebnisWelt Feuerwerk (in inglese) a Fügen (il Mondo Avventuroso del legno). La centrale termica a biomassa posta all’ingresso della valle Zillertal non è proprio bellissima dall’esterno, ma al suo interno cela un piccolo tempio dedicato al legno. La visita attraverso la centrale dura circa 70 minuti e fornisce una visione affascinante e nuova sulla produzione di energia ecologica e il calore a distanza, sulla produzione di pellets, sull’uso del legno in generale, sul cambiamento del clima. Per le famiglie con i bambini la visita presso la centrale termica forse è troppo impegnativa, ma per i giovani e per gli adulti che sono interessati alla natura e alla moderna tecnologia, la struttura vale sicuramente una visita.

Eindruck aus der HolzErlebnisWelt Feuerwerk in Fügen.

HolzErlebnisWelt Feuerwerk a Fügen.

 

Fare una passeggiata attraverso la città storica di Hall è bellissimo anche con il cattivo tempo. Ricorrendo alla visita guidata si scoprono gioielli nascosti come la sala degli sposi al municipio. Se poi piove proprio forte rifugiatevi presso la zecca, la Münze Hall (in inglese). Nella sua vecchia torre le antiche macchine forniscono una piacevole dimostrazione della storia del conio nel tempo. E’ proprio qui che un tempo fu coniata la moneta più diffusa al mondo: il tallero di Maria Theresa, dal quale deriva anche la parola dollaro. Dalla torre si gode una splendida vista sulla antica città di Hall. Anche qui ricorrere ad una guida competente – come in pratica ovunque – rende la visita ancora più piacevole e interessante.

Eine der alten, für damalige Zeiten hochentwickelten Münzprägemaschinen der Münze Hall.

Uno dei macchinari per il conio presso la zecca di Hall, per i tempi di allora già molto sofisticato e ben sviluppato.

 

Auf dem Weltgerichtsfresko in der Magdalenenkapelle in Hall kommen auch Bischöfe und Edelmänner in die Hölle!

Sull’affresco dell’ultimo giudizio del mondo nella cappella dedicata alla Santa Magdalena a Hall anche vescovi e nobili finiscono all’inferno !

 

Il Castello di Tratzberg è sicuramente una delle mie mete preferite. Lo splendido castello (residenza di caccia) si erge imponente sulle valle dell’Inn e narra non solo la storia dell’Imperatore Massimiliano e dei suoi tempi ma vanta anche il più completo albero genealogico degli Asburgo in forma di un enorme dipinto murale. La visita con le audio guide è molto informativa e ci sono anche delle visite guidate dedicate ai bambini, che di solito rimangono particolarmente impressionati dalle camere delle armature.

Moltissime sono anche le altre mete che attirano non solo turisti, ma anche i locali. Per esempio: i Mondi di Cristallo, gli Swarovski Kristallwelten a Wattens, la produzione di vetro della Riedel a Kufstein, la miniera di argento Silberbergwerk a Schwaz, il collegio Stift Stams (in inglese) o gli scavi romani Aguntum a Lienz nel Tirolo Orientale. Forse potrebbe anche piovere qualche volta in più per visitarli tutti…
Quasi tutte le mete interessanti del Tirolo potete scoprirle qui.

Nessun commento