Kalkkoegel, Axamer Lizum

Sci Alpinisimo tra le Alpi Tirolesi

------

Negli ultimi anni lo sci alpinismo sta vivendo una crescita esponenziale. E non c’è da meravigliarsi se si pensa a tutti i benefici legati a questa disciplina: un contatto diretto e appassionato con la natura, costi ridotti che non richiedono spese ingenti per lo skipass e un allenamento sportivo che fa bene a cuore e polmoni migliorando l’abilità motoria di tutto il corpo.

Ospite

Questo articolo è stato scritto da un autore che abbiamo ospitato.... Sull’autore

La regione austriaca del Tirolo, nel cuore delle Alpi, rappresenta sicuramente un paradiso per tutti gli appassionati di sci alpinismo grazie al suo immenso comprensorio sciistico, uno dei più grandi d’Europa. La conformazione delle sue montagne fa il resto: proponendo pendii mai troppo ripidi alle medie e basse quote e adatti alle gite invernali, e pendii grandiosi alle alte quote per le lunghe e difficili gite primaverili.

Un vero paradiso per tutti i gusti! Sempre più di moda anche la risalita a bordo pista, con sportivi che si alzano all’alba per giungere in vetta prima che aprano gli impianti e godersi una discesa da leoni.

Un passione che sta crescendo talmente tanto da indurre le varie località tirolesi ad offrire gite di sci alpinismo in notturna con tanto di illuminazione serale. Ecco un elenco delle piste aperte di sera nei dintorni di Innsbruck: http://www.mountaineers.at/winter/nachtskitouren

nachtskitour_zammeralm3-375x560

 

LA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO

Fondamentale è partire con una buona attrezzatura e affidarsi a una guida alpina esperta oppure informarsi con accuratezza sulle condizioni climatiche e geografiche del luogo. Ecco un link da consultare sempre prima di partire per una gita di sci alpinismo in Tirolo: lawine.tirol.gv.at

Se siete alle prima armi il miglior modo per cominciare è salire a bordo pista o scegliendo dei luoghi con impianti dismessi dove comunque il livello di sicurezza è alto e non è necessario avere grandi conoscenze tecniche.

 

METE SUGGERITE

Ed ora eccovi 4 tour scelti appositamente per voi tra le Alpi tirolesi

1. Birgitzer Alm e Birgitzkoepfl – zona Innsbruck – Alpi dello Stubai

Ort: Birgitz

La pista per la cima Birgitzkoepfl

Si tratta di una salita, piacevole e panoramica che porta sino alla baita Birgitzer Alm e poi con un’ulteriore tratto sino alla cima del Birgitzkoepfl, molto panoramica. Percorribile tutto l’inverno si snoda su pendii con limitato rischio di valanghe passando prima nel bosco e poi su pendii aperti ed offre, dopo 1,5-2 ore di salita, una bella e divertente discesa adatta anche agli sci-alpinisti meno esperti.

Punto di partenza: ad Axams, direttamente dal parcheggio situato sul tornante dopo la locanda Gasthof Adelshof, in corrispondenza del punto di arrivo della pista di slittino che scende dalla Birgitzer Alm.
Dislivello: 650 m
Tempo di percorrenza: 1,5-2 ore
Più info in tedesco: http://www.almenrausch.at/touren/suchergebnisse/tourdetails/tour/birgitzkoepfl-1982-m823.html

2. Russenweg – Hochstein/Lienz – Osttirol

Russenweg a Lienz, Osttirol

Russenweg a Lienz, Osttirol

Rifugio Hochsteinhuette

Rifugio Hochsteinhuette

L’Hochstein è una delle montagne di Lienz e durante l’inverno è una meta straordinariamente amata dagli sciatori ambiziosi, dai principianti dello sci alpinismo e dai discesisti. Dopo 1350 metri di dislivello in salita lungo la ripida pista da sci “H 2000” o attraverso l’oscurità del bosco sulla romantica Russenweg, il rifugio Hochsteinhuette, ristrutturato nel 2009, svetta sull’ampia vetta e invita alla sosta. I “tour di workout” serali fino al rifugio del Club Alpino, con la luce delle torce da testa e la vista sul panorama notturno della città di Lienz, sono ormai leggendari e riscuotono grandi consensi.
La Russenweg vera e propria aggira interamente la pista da sci e parte già presso il castello di Bruck (725 m, parcheggio), ad ovest di Lienz.

Dislivello: 2025 m
Tempo di percorrenza: 4 ore circa

3. Stuckkogel nella zona di Kitzbuehel

Ort: Kitzbühel

La croce sulla cima Stuckkogel, Kitzbuehel

Ort:

Vista dal Stuckkogel, Kitzbueheler Alpen

La salita si snoda sulla vecchia pista da sci e si presenta fin da subito con tratti abbastanza ripidi. Dopo qualche tornante diventa più dolce fino alla malga/ristorante Rosis Sonnbergstuben, un mito gastronomico della regione. Successivamente la salita torna a farsi più impegnativa fino alla baita Bichlalm col suo omonimo rifugio. Continuando la salita si arriva in cresta dove il percorso diventa di nuovo più dolce. Discesa lungo il tracciato della salita (molte varianti possibili).

Punto di partenza: Arrivando da Kitzbuehel seguire i cartelli per il rifugio/alpe “Bichlalm”. Salite fino alla ex stazione a valle della seggiovia (smontata dal 2008). Il parcheggio è gratuito. Si parte da 904m
Dislivello: 993 m
Lunghezza: 4,82 km
Tempo di percorrenza: 2 ore
Più info in tedesco: http://www.tourenwelt.at/skitour/327-stuckkogel.html

4. Olympiaregion Seefeld: la baita Rauthhuette a Leutasch

Questa splendida baita si trova ai piedi del massiccio Hohe Munde ed è una meta molto amata per il grandioso panorama sull’altipiano della Leutasch. Da quando gli impianti di risalita Mundelift sono caduti in disuso questa zona si è trasformata in un eldorado per chi pratica sci alpinismo.

La partenza è prevista da Moos (dal parcheggio per il rifugio Rauthhuette) e si sale per l’ex pista da sci con una pendenza di media difficoltà. Il gestore della baita si impegna sempre a battere e tenere pulita una parte della salita ed è per questo che l’escursione è particolarmente indicata per i principianti.
Dislivello:444 m
Lunghezza: 2,1 km
Tempo di percorrenza: 1,15 ore

ATTENZIONE!

SEGUIRE SEMPRE LE SEGUENTI REGOLE SE SALITE A BORDO PISTA:

1) Sincerarsi delle norme vigenti

2) Non percorrere strade o piste chiuse

3) Salire solo a bordo pista e in fila indiana

4) Attraversare le piste solo in punti con buona visuale

5) Le piste appena battute vanno percorse solo ai bordi

6) Lasciare le piste entro le 22.30 (oppure nell’orario indicato dagli impianti)

7) Rendersi visibili con abbigliamento idoneo e lampade in caso di gita notturna

8) Non portare cani

9) Utilizzare solo i parcheggi indicati e munirsi di eventuale biglietto

img_0730_groesser-1440x900

Sull’ autore:
PATRIZIA MIOTTI : Giornalista italo-austriaca, naturopata e amante delle due ruote. Vive con la valigia in mano e fa spesso la pendolare tra Roma e Innsbruck. Le montagne sono la sua seconda casa.

Nessun commento