La valle Wipptal, un vero paradiso per le famiglie

Aggiornato il 16.10.2018GastautorGastautor

Appena oltrepassato dall’Italia il confine al Passo del Brennero, ci si troverà catapultati in un verde mondo circondato da alte e splendide montagne: eccoci in Wipptal! Il territorio, facilmente raggiungibile in autostrada, è un vero paradiso per le famiglie con i bambini e infatti noi li abbiamo scelti per trascorrere qualche giorno lontano dal trambusto della città. Scoprendo qualcosa di davvero magico!

Wipptal

Prima di iniziare a studiare il nostro itinerario in Tirolo, non conoscevo questa valle: ho così scoperto che è la più vicina a “casa nostra” (l’Italia): si estende infatti dal Brennero sino a Steinach am Brenner, verso Innsbruck. E proprio a Steinach si trova la prima delle attrazioni per i più piccini: si sale infatti sino alla stazione intermedia degli impianti del comprensorio Bergeralm per trovare qualcosa di davvero incredibile… Bärenbachl!

Bärenbachl è un delizioso itinerario pensato per le famiglie coi bimbi (e infatti interamente percorribile in passeggino), diviso idealmente in due parti. La prima, in mezzo al bosco, racconta tutti i segreti delle piante, degli animali e degli insetti autoctoni, proponendo anche giochi interessanti ed istruttivi nonché attività sportive. Una volta terminato questo primo tratto, si giunge al grazioso e pittoresco laghetto di Bärenfalle (una malga ove è possibile ristorarsi e riposarsi) e da lì in poi… I bimbi impazziranno di gioia!

Ci sono infatti moltissimi giochi d’acqua, percorsi kneipp, slackline, sabbiere, carrucole… Un vero paradiso! Nelle giornate più calde sarà stupendo potersi togliere calze e scarpe e abbandonarsi al piacere di una bella camminata nell’acqua fresca. Ideale certamente anche per mamma e papà.

Una volta poi terminata la giornata e ridiscesi a valle, proprio accanto alla stazione degli impianti ecco il museo dedicato al tunnel di base del Brennero, un’opera ingegneristica di altissimo livello che, una volta completata, unirà Innsbruck a Bolzano transitando al di sotto delle alte montagne di confine. Risparmiando tempo e limitando al minimo l’inquinamento. C’entra poco coi bimbi vero?

E invece no!

Perché questo museo (dall’ingresso gratuito) consta sì di una parte ove viene spiegato nel dettaglio il progetto e la futura realizzazione, ma offre anche una grandissima area ludica ove i più piccini possono entrare in contatto con il mondo dell’edilizia, dell’ingegneria e della geologia giocando e divertendosi. Tutto è interattivo: si può scoprire come l’acqua s’incunea tra le rocce e trovare una soluzione, come le pompe e le frese riescono a bucare la roccia…Ma tutto in chiave estremamente semplice. Vedrete che poi non vorranno più venir via.

BBT – Galleria di Base del Brennero

Ma la Wipptal non è solo svago: rimane una valle in cui il turismo è meno sviluppato che in altri luoghi e questo non fa che accrescerne il fascino e le bellezza. E infatti, nella laterale Gschnitztal non si può non fare tappa al Mühlendorf, un antico villaggio totalmente recuperato e ristrutturato ove si possono scoprire usi e tradizioni della popolazione locale. Lo splendido mulino, una volta utilizzato per macinare il grano e produrre il pane, ora è lì per essere ammirato, così come le casette che richiamano alla mente un tempo dove le comodità non esistevano ma forse la vita era più gioiosa e festosa. Da non perdere la bellissima cascata Sendes: un facile sentiero consente di salire e ammirarla da un ponte sospeso, cogliendone il suo aspetto più bello e regale. L’acqua poi è ricca di ioni: una prolungata esposizione agli spruzzi aiuta a liberarsi dalle tossine e a respirare meglio!

Per gli amanti del paesaggio e delle escursioni, la Wipptal ha davvero parecchio da offrire: una delle più belle e facili camminate (percorribile addirittura in passeggino) è quella che sale all’Obernberger See, un lago color cobalto incastonato come uno zaffiro tra le verdi montagne circostanti.

Il lago Obernberger See con l’acqua blu intenso

Arrivati al paesino di Obernberg e parcheggiata la propria automobile, si potrà salire lungo la larga e poco pendente forestale che, in un’oretta scarsa, condurrà al primo e più piccolo lago e, poco oltre, all’Obernberger… Una vera meraviglia! È poi possibile anche effettuare (senza passeggino però) anche il periplo delle rive, per godere della sconvolgente e selvaggia bellezza di questo angolo di paradiso, spesso poco frequentato e per questo ancor più suggestivo e spettacolare. E, perché no, concedersi anche un frugale picnic!

Obernbergtal fino al lago Obernberger See a circa 1.600 metri slm

Di meraviglie la Wipptal ne ha ancora parecchie…Torneremo sicuramente a scoprirle anche perché vogliamo poter esplorare ancora questo luogo così magico e ancora poco conosciuto.

Azzurra ha scritto questo articolo durante il suo viaggio nella valle dello Wipptal. Puoi trovare più articoli sulla sua esperienza sul suo blog “babyTrekking“.

GastautorSull’autore »

Nessun commento

In su
giù