Dall’hawaiano all’islandese: Stille Nacht in tutto il mondo

10.12.2018RosannaRosanna
Veröffentlichung von „Stille Nacht! Heilige Nacht!“ aus dem Jahr 1832, Foto: Tiroler Landesmuseumbibliothek

„I te hoe po hau maru” o „Glade Jul, Hellige Jul!”: avreste riconosciuto il verso? Così canta ogni anno nel periodo di Natale la gente a Tahiti e in Norvegia. „Stille Nacht! Heilige Nacht!”, il canto di Natale più famoso del mondo si canta in ben 350 lingue e dialetti. Quest’anno si festeggia il bicentenario della prima esecuzione del canto.

Nell’Ottocento furono le famiglie di cantori tirolesi a portare nel mondo il canto natalizio: vestite da cantanti nazionali nei costumi tradizionali, incantarono tutto il mondo con musica e danze Tirolesi. I cantanti più famosi erano la famiglia Rainer e i fratelli Strasser, il cui repertorio comprendeva anche “Stille Nacht! Heilige Nacht!”.

E’ una ragione sufficiente per mettersi sulle loro tracce: fino a quali lontani angoli del mondo è arrivato il canto di Natale (anche con l’aiuto tirolese)?

Indovinate di quale lingua si tratta. Le risposte trovate giù in fondo.

A: » Po La’ie «

B: » Ó, helga nótt «

C: » Stille nacht «

D: » Astro del ciel «

E: » Noite feliz! «

F: » Cicha noc, Święta noc «

G: » Kiyoshi kono yoru «

 

Risposta: A: hawaiano. B: islandese. C: olandese. D: italiano. E: portoghese. F: polacco. G: giapponese.

Rosanna

Rosanna Battisti ama viaggiare… e ritornare, specialmente d’inverno quando sente il richiamo delle piste da sci.

Sull’autore »

Nessun commento

In su
giù