Sharing is Caring

Aggiornato il 10.03.2020AlexanderAlexander
Sulla montagna Reither Kogel nella valle Alpbachtal.

Cosa incide maggiormente sull’inquinamento di Co2 in caso di vacanza tra le Alpi? Il viaggio! Windsurf sul tetto, mountain bikes sul porta pacchi, crashpad nel bagagliaio o attrezzatura per l’arrampicata sul sedile posteriore – è proprio indispensabile? No – non in Tirolo. Nella regione esistono oltre 500 stazioni di servizi dove gli sportivi possono prendere in affitto le attrezzature adatte per praticare il loro sport preferito. Quello che è ormai normale per gli sci e per gli snowboards, funziona ottimamente anche d’estate. Ecco gli esempi per un rental-service impeccabile che apre nuove prospettive – anche sull’arrivo.

Surf, vela, pagaia stand-up: sport acquatici al lago Achensee

Idilliaco: andare a vela sul lago Achensee. Foto: W9 Studios

E‘ meglio una barca a vela o una canadese? Meglio un puddle surf per pagaiare o una tavola da windsurf? Tutto attorno al lago più grande del Tirolo si trovano stazioni dove prendere in affitto le attrezzature acquatiche. A cominciare presso la scuola specializzata per l’acqua e il centro sportivo di Maurach fino all’affitto delle barche a Pertisau. Le informazioni sulle offerte e le possibilità delle varie attrezzature da prendere in affitto si trovano direttamente presso gli uffici turistici in loco.

Paradiso mountain bike: nella valle Ötztal

Sul Leiterberg-Trail nella repubblica delle Bike.

Se cercate un luogo dove dimenticare gli alti e i bassi della vita dovete regalarvi un’avventura tra i fantastici “su e giù” dei numerosi trails a Sölden e dintorni. Pumptracks, meravigliosi trails naturalistici, percorsi per la mountain-bike e percorsi Enduro tutti con svariati profili di percorrenza e gradi di difficoltà: il Bike Republic Sölden offre una infinita varietà di sfide sempre con panorami alpini mozzafiato. Qui potete lasciare tranquillamente a casa le vostre due ruote. 13 negozi sportivi e succursali propongono le bici in affitto con cui poter affrontare i percorsi – dal short track di 8 chilometri fino all’impegnativo trail di 34 chilometri che porta su al ghiacciaio. „Noi qui a Sölden siamo decisamente un’ottima destinazione Enduro“, dice Matthias Sommavilla della stazione Bike Rent Station Sölden/Ötztal. In 2016 sotto questo tetto si sono uniti i negozi sportivi Sporthütte Fiegl e Sport Riml, per collaborare non solo nel settore sci, ma anche nel settore ciclistico. Da 13 anni anche Sommavilla stesso è un entusiastico e attivo ciclista downhill di Enduro. Focalizzarsi sull’Enduro aiuta soprattutto quelli che non percorrono regolarmente i trails. „Gli Enduros sono semplicemente molto più simili alle biciclette che si conoscono da casa.“ Ma anche i grandi esperti lasciano sempre più volentieri le loro bici a casa. Circa il 10 per cento di quelli che affittano le biciclette sono veri cracks. Chiedono di tutto: dalla marca spagnola Mondraker, da Norco o Rocky Mountain del Canada o Focus della Germania, High-End-Bikes come modelli da principianti. Ulteriori vantaggi dell’affitto: si riceve sempre un modello attuale in ottimo stato. Il parco bici conta oltre 100 due ruote e nessuna bicicletta ha più di due anni. Cuscinetti, freni, dischi per i freni, gomme – ogni singola parte viene esaminata dopo un affitto e viene cambiato se è necessario. Naturalmente dopo una accurata pulizia.

Alpinismo con tappa intermedia a Innsbruck

Sulla via ferrata di Innsbruck. L’attrezzatura necessaria si può prendere in affitto presso il club alpino di Innsbruck.

Per chi vuole scalare montagne alte e rocce difficili in Tirolo non serve necessariamente la propria attrezzatura. Essa è disponibile presso il club alpino di Innsbruck, posto che uno ne sia membro. I pezzi più richiesti dipendono molto dalla stagione, spiega Mike Rutter del club alpino di Innsbruck. D’inverno sono l’attrezzatura antivalanga: sonda, pala e i vari apparecchi per la ricerca.

L’estate naturalmente è diverso. Viene richiesto soprattutto una cosa: i completi per percorrere la via ferrata. „Abbiamo molti recidivi“, ride Rutter. „Soprattutto per gente che percorre una via ferrata solamente duo o tre volte all’anno non vale la pena comprare una attrezzatura così costosa. E per l’attrezzatura di sicurezza per l’inverno è uguale“, dice Rutter. Un ulteriore vantaggio nel prendere tutto in affitto: viene fornito sempre equipaggiamento di grande valore aggiornatissimo per quanto riguarda le nuove tecniche. I nostri set completi per l’arrampicata per esempio vengono sostituiti totalmente ogni tre anni. Le attrezzature usate vengono poi messi in vendita dal club alpino a prezzi di favore. E’ ovvio che anche la manutenzione regolare fa parte del servizio ed essa è piuttosto impegnativa per il club alpino. Dopo ogni uso i completi per l’arrampicata vengono controllati per eventuali danni, vengono controllate le piastre dei ramponi come le batterie delle apparecchiature antivalanghe. Si tratta di un servizio del quale ogni turista si può fidare pienamente.

Il comportamento dei turisti riguardo all’affitto è cambiato negli ultimi anni? “Assolutamente sì”, dice Rutter. C’è una tendenza sempre crescente rispetto ad alcuni anni fa. Lui lavora al club alpino da più di dieci anni e ha costatato di persona una tendenza ben precisa: „Negli ultimi anni nel tempo libero si fa sempre più sport. E le montagne si sposano molto bene con lo sport”, dice. Per questo motivo molti vacanzieri chiamano già prima di arrivare in Tirolo per prenotare l’attrezzatura che fa per loro. Altri articoli sempre richiesti sono le guide sull’arrampicata e sul bouldering. Sono soprattutto i giovani a richiederle. E‘ anche ovvio. Innsbruck è la città degli studenti e durante il fine settimana quasi tutti amano andare in montagna.

Altre attrezzature che vengono proposte dal club alpino di Innsbruck sono: racchette da neve, sci corti – i cosiddetti Fiegl per lo sci sulla neve primaverile, adattatori di attacchi per lo sci alpinismo, elmetti, imbracature per l’arrampicata, piccozze, ramponi, bussole, guide.

Affittare la bici da corsa per conoscere il Tirolo in sella alle due ruote

Sul Giro di Alpbach.

A parte i conosciutissimi e temibili classici giri alpini come il Giro del Passo di Rombo (la maratona della valle Ötztal) o quello sulla montagna Kitzbüheler Horn, molte località tirolesi si sono specializzate quali Hotspots per la bici da corsa con percorsi specifici. Condizioni ottimali si trovano per esempio attorno al punto di partenza per la valle di Alpbach con oltre 20 percorsi indicati. Si va dalle semplici tappe pianeggianti nella bassa valle dell’Inn fino alle vere sfide come per esempio la Giro Region 31 lunga ben 116 chilometri con un dislivello di 2.250 metri. Da consigliare quindi per i veri appassionati. Molto più tranquillo invece il piccolo giro del lago passando per Breitenbach e Schönau, ideale anche per principianti. Qui trovate un quadro dei percorsi più belli partendo dalla valle Alpbachtal.

Noi raccomandiamo di arrivare in treno fino a Innsbruck e di prendere in affitto le bici presso lo shop „Crazy Bikes“. Oltre ad offrire speciali mountain bikes di valore loro si sono specializzati anche in bici da corsa. Si trova di tutto: dal modello tranquillo per le maratone e le bici per i ciclisti della domenica fino alla modernissima carbon bicicletta adatta per quelli superresistenti che non si vorrebbero mai fermare. La scelta è amplissima e tutte sono in perfetto stato, ci sono anche quelle della marca Trek.

Un altro shop con rental service ben fornito è „die Börse” nella via Leopoldstraße a Innsbruck, aperto pure la domenica per l’affitto. Si trovano roadbikes e bici da corsa, Rouleur per il tempo libero e per i professionisti. I prezzi sono giornalieri per chi vuole regalarsi solo un giorno di sport oppure settimanali. Si trovano bici per il Downhill e Enduro, e anche bici elettriche. Vengono forniti inoltre anche tutti gli accessori, dall’elmetto fino alle scarpe e le protezioni.

Affittare Crashpads per il bouldering nella valle Pitztal

Bouldering nella valle Pitztal. Foto: TVB Pitztal

Anche se il numero di chi pratica il buoldering nella valle Pitztal – un pò come nella valle Zillertal – è in continuo aumento negli ultimi anni, la vista dei portatori di Crashpads sorprende ancora e non fa parte del paesaggio abituale. La domanda “che cosa si fa con un materassino sulle spalle in pieno bosco?” è stata posta a molti di quelli che camminano con il crashpad verso una località denominata Mandlers Boden. La risposta è molto semplice: il bouldering è un’attività di arrampicata su massi e la stuoia di espanso di diverso spessore viene messa per terra sotto la roccia dove – in caso di caduta – si dovrebbe atterrare. Visto che il bouldering è arrampicarsi ad un massimo di 3 metri e mezzo non si è assicurati con imbracatura e corde ma semplicemente con il crashpad posto a terra.

Da quattro anni circa nella valle Pitztal il crashpad è disponibile anche in affitto precisamente presso l’ufficio turistico a Wenns oppure presse l’ufficio delle guide alpine a Mandarfen. Così gli appassionati del bouldering possono viaggiare senza impicci. Come fa stare tre persone e tre crashpads in una macchina? Essi misurano da 1,20 a 60 centimetri anche se sono piegati e farli stare insieme al resto del bagaglio è abbastanza scomodo. Per non parlare di chi viaggia in treno. Così non è una sorpresa che un numero sempre crescente di visitatori e turisti approfitta del servizio in affitto. “Soprattutto nei mesi estivi, in luglio e agosto, i nostri crashpads sono molto richiesti”, spiega Elena Jenewein dell’ufficio turistico della valle Pitztal. E poi racconta che anche l’interesse generale per il bouldering è cresciuto molto negli ultimi anni. E’ anche comprensibile: la località di Mandlers Boden offre circa 180 tratti di tutte le difficoltà, dal 3 fino all’8° e 8°+.

Informazioni per l’affitto, per il bouldering nella valle Pitztal o la topografia della zona del bouldern Mandlers Boden.

Alexander

Alexander Zimmermann adora la montagna e appena possibile scappa sui monti indossando scarpe da trekking oppure scarpette da arrampicata. D’inverno adora lo sci alpinismo e lo sci di fondo. Come giornalista e stratega fa il pendolare tra Monaco, Tirolo, Amburgo e Heidelberg.

Sull’autore »

Nessun commento

In su
giù