Zillertal, la valle incantata per le famiglie con i bambini

27.09.2019OspiteOspite
Ahornsee

Il Tirolo è veramente super organizzato per le famiglie con i bambini. Ovunque si decida di andare, si cadrà sempre in piedi! Parchi, escursioni, esperienze… Tutto è a misura di piccolissimi e, dopo una vacanza qui, non si potrà che tornare soddisfatti e programmare la seguente.

Vi porto alla scoperta di questa magnifica valle a pochi chilometri da Innsbruck… Verdissima, ma con anche svettanti cime oltre i 3.000 metri dove si scia anche in estate!

Fügen e Spieljoch

Laghetto sullo Spieljoch, Fügen

Arrivando da Innsbruck, all’altezza di Jenbach noterete subito le indicazioni. E quindi addentriamoci! Il nostro viaggio inizia a Fügen, una delle primissime località che s’incontrano lungo la strada. Arriviamo dunque sino alla cabinovia Spieljoch e saliamo alla Bergstation: ecco il paradiso per i bambini!
Un laghetto artificiale con zattera, percorso kneipp e giochi d’acqua infatti aspettano tutti i piccini che vogliano divertirsi a più non posso, con vista panoramica davvero eccezionale. Ma non è certo finita! Perché a Spieljoch ci sono un’infinità di sentieri escursionistici che conducono all’esplorazione del territorio.

E non solo: pensate che per tornare a valle siano necessari gli impianti? Ma certo che no! Già perché qui c’è il mountain cart, ossia delle macchinine modificate e adatte per essere guidate sullo sterrato, in discesa naturalmente. E quindi via! Un’adrenalinica esperienza anche per i bimbi, che potranno utilizzare da soli il proprio mezzo (ovviamente a partire dall’età corretta) oppure essere trasportati da mamma o papà.

Zell am Ziller

Proseguendo il nostro viaggio nella stupenda Zillertal, ci imbatteremo presto in Zell am Ziller, uno dei paesi più grandi del territorio e circa a metà valle.
Qui le cose da fare sono veramente tantissime (da non perdere, per esempio, la Zillertal Arena) e noi abbiamo scelto un pomeriggio relax. Ma relax cosa vuol dire? Gioco, ovviamente!
A Zell Am Ziller è stato inaugurato, proprio nel corso dell’estate 2019, un minigolf davvero particolare e unico nel suo genere. È stato infatti realizzato evidenziando le peculiarità di ogni località del territorio: abbiamo così la buca con raffigurati gli impianti, quella con gli animali, un’altra con le malghe e i rifugi… Insomma, ci si diverte imparando anche a riconoscere tutte quelle particolarità in miniatura che poi ammireremo (a grandezza naturale) dal vivo. Degna di nota è la buca con la cascata, con tanto di retino per ripescare la pallina qualora cadesse in acqua!

Minigolf di Zell am Ziller

Non è finita. Proprio accanto al minigolf possiamo trovare uno dei parchi giochi più graziosi, completamente immerso nella sabbia e a tema “miniere”. Addirittura è possibile entrare nella ricostruzione di un tunnel e portar fuori su carrelli il materiale, che poi verrà naturalmente svuotato e lavorato.
Non mancano scivoli, carrucole, castelletti… Insomma, una vera meraviglia che farà trascorrere ai più piccini ore davvero spensierate.

Mayrhofen

Mayrhofen è il più grande dei centri della Zillertal e sorge in posizione davvero pittoresca ai piedi di verdissime montagne. È anche il paradiso di chi pratica sport ed escursionismo: sono infatti ben due gli impianti (estivi) che conducono tra le vette, dove è possibile passeggiare, scalare, arrampicare… Insomma: ce n’è per tutti i gusti!
Non mancano ovviamente le attrazioni per bimbi. Noi abbiamo scelto di salire sull’altopiano di Ahorn e dedicare una giornata intera alla sua scoperta. Una volta in cima (raggiunta in meno di dieci minuti grazie alla veloce e capiente funivia), abbiamo spaziato in lungo e in largo, trovando sempre qualcosa di nuovo e assolutamente interessante.

Percorso kneipp ad Ahorn

I bimbi hanno adorato Ahorn perché hanno subito trovato pane per i loro denti: un fantastico laghetto con zattera (veramente grande), un percorso kneipp, il ponte sospeso sull’acqua, le chiuse… Portarli via da qui è veramente un’impresa!
Ci si può riuscire solo promettendo qualcosa di ancor più sensazionale. Che ad Ahorn è possibile trovare: vi è infatti a possibilità di assistere all’Adler Bühne, lo spettacolo di falconeria dove aquile e gufi si mostrano in tutta la loro bellezza, volando sopra il pubblico e stupendolo con le loro evoluzioni e velocità.

Adler Bühne ad Ahorn

Il panorama è davvero super: la vista può spaziare sulle montagne circostanti e il cielo blu contrasta con il verde dei prati e il bianco delle rocce. Vale la pena salire sin quassù solo per questo!

Ma a Mayrhofen si può fare anche altro. E di molto particolare anche!
Avete mai sentito parlare del canyonig? Ebbene, si tratta di camminare nei torrenti, risalendoli e facendosi largo tra le rocce. Proprio così: muniti di muta, si passeggia tra le freddissime acque (9 gradi), sentendosi veramente parte della natura.

A Mayrhofen è stato studiato un percorso particolare, molto semplice e quindi adatto anche alle famiglie con i bambini. Si cammina per circa due orette nel fiume (la corrente è molto ridotta), facendo il bagno, scivolando lungo delle rapide e ammirando le cascate… Decisamente un’esperienza insolita che i bimbi ricorderanno sempre (e anche mamma e papà).

Hintertux

Hintertux è l’ultimo paese della valle, dopodiché non è più possibile proseguire in macchina, giacché le montagne la chiudono definitivamente al transito.
Si prendono dunque gli impianti che, in brevissimo, conducono sino al ghiacciaio: ben 3.250 metri di quota ove si scia anche in estate! Noi però non siamo arrivati sino a cotanta altezza per praticare sport invernali, bensì per visitare una meraviglia naturale senza paragoni: il palazzo di ghiaccio.

Palazzo di Ghiaccio sull’Hintertuxer Gletscher

Si tratta di una lunghissima caverna con diramazioni scoperta non moltissimi anni orsono, di cui è possibile vederne una piccola parte. Indossato quindi il caschetto di protezione, con la guida (a gruppi) ci si addentra in questi cunicoli di ghiaccio, 30 metri al di sotto delle piste da sci.
Lo spettacolo è veramente incredibile: stalattiti stalagmiti, roccia… Perfino un torrente che scorre tra le alte pareti bianche! La particolare conformazione del percorso (vi sono numerose scale a pioli e il fondo è molto scivoloso) lo rende ideale per i bambini a partire dai 6 anni, poiché devono esser autonomi nel muoversi senza problemi.

Glestcherflohsafari

Prima di scendere verso valle, impossibile non fermarsi al parco giochi delle pulci, il più alto di tutta l’Austria: a 3.250 metri, la neve è sempre assicurata!
E alla prima stazione degli impianti, non si può non scegliere di effettuare il Gletscheflohsafari, uno stupendo itinerario circolare pensato per il massimo divertimento dei nostri pargoletti.

Dopo aver acquistato la pallina di legno alla prima stazione (costo 2 euro), si partirà alla scoperta delle successive installazioni. Bisognerà far scivolare la pallina nelle canaline e scoprire sin dove arriverà, senza mai farla saltar fuori dal tracciato. Ce la faranno i nostri eroi?

Gletscherflohsafari

Si prosegue così, senza fatica alcuna (anche se il sentiero presenta un dislivello di circa 150 metri, i bimbi non se ne accorgeranno, tutti presi a cercare la successiva stazione) sino al punto più alto, dove il panorama è veramente eccezionale.
La seconda parte del Gletscheflohsafari è invece dedicata ai giochi d’acqua, quindi con chiuse, tinozze, piccoli torrentelli… Si sa che questi sono i preferiti dai bambini! E anche qui, camminare non sarà un problema, poiché la voglia di scoperta supererà di gran lunga la sensazione di fatica.

La Zillertal è talmente estesa che merita sicuramente un altro viaggio… Che speriamo di effettuare presto per poi raccontarvi tutto il meglio che ha da offrire!

Azzurra ha scritto questo articolo durante il suo viaggio nello Zillertal. Puoi trovare più articoli sulla sua esperienza sul suo blog “babyTrekking”.

Ospite

Questo articolo è stato scritto da un autore che abbiamo ospitato. Troverai nell’articolo maggiori informazioni su di lui.

Sull’autore »

Nessun commento

In su
giù