I falò del solstizio in Tirolo

17.06.2020KlausKlaus

Il giorno più lungo dell’anno in Tirolo si celebra disegnando immagini di fuoco sulle montagne. L’usanza viene coltivata in modo particolarmente intenso attorno alla Zugspitze. È un’antica tradizione che è patrimonio universale dell’UNESCO.

“Il momento più bello durante la preparazione dei falò è stato quando sono salito in cima la mattina presto qualche anno fa per distribuire le torce. All’improvviso, questa incredibile alba. Mi sono inginocchiato, è stato così commovente “, afferma Thomas Koch di Lermoos.

Il simpatico quasi quarantenne è uno di quei tipi che si trovano abbastanza spesso in Tirolo: sanno fare tutto e vivono giornate piene. Oltre a lavorare per la pagnotta nell’ufficio turistico, è anche falegname, agricoltore, vice sindaco, scultore e padre di due figlie. E una volta all’anno: Bergfeurer, ovvero uomo che accende i falò del solstizio sulla montagna.

Thomas Koch davanti al rifugio Gartjoch-Hütte, il campo base del suo gruppo di Feurer, i maestri dei falò.

Una tradizione antica

Quando il 21 giugno inizia l’estate astronomica, il giorno più lungo dell’anno in Tirolo viene celebrato con falò sulle montagne. Questa tradizione discende dal Medioevo. Nei paesi intorno alla Zugspitze, l’usanza viene coltivata più intensamente e le immagini di fuoco sono particolarmente varie: croci, cuori o l’aquila tirolese brillano fino giù a valle.

Ma anche il Grande Puffo e Paperino sono già stati visti sulle montagne dell’Ausserfern. Tali motivi continuano a essere discussi perché l’usanza del fuoco è molto importante per molti tirolesi tradizionalisti. Tuttavia, Thomas è rilassato sull’argomento: “Nel nostro gruppo creiamo comunque quasi sempre immagini religiose”.

Migliaia di piccoli punti di luce fanno brillare le montagne.

I falò del solstizio: vista sulla Sonnenspitze di Ehrwald

Smartphone e Pitagora

Si deve salire ripidamente fino al rifugio della famiglia Koch. Lo zaino di Thomas pesa ben 30 chili: torce, provviste e una o due birre devono essere portate sulla montagna. “In qualità di Bergfeurer, e perciò dovendo salire ad accendere i falò sulla montagna, devi avere un passo sicuro, allenamento e cognizione dello spazio. Finora è più un dominio maschile, ma partecipano sempre più donne”, spiega Thomas.

Insieme a 15 compagni, ogni anno accende un’immagine nuova sulla montagna del suo paese. Si impostano fino a 400 punti luce in modo che il motivo sia chiaramente riconoscibile. Più il terreno è ripido, più è complicato: una volta aiutavano le funi e il buon vecchio Pitagora, oggi le luci vengono posizionate dalla valle usando il binocolo e le istruzioni via cellulare.

Ogni gruppo di Feurer ha i suoi segreti per quanto riguarda la pianificazione e le torce.

Per la maggior parte sono motivi religiosi.

La nebbia è nemica dei Feurer

Il tutto è, ovviamente, pericoloso: i temporali e la possibilita di scivolare sono fattori di rischio. Il più grande nemico dei maestri dei falò di montagna, tuttavia, è la nebbia, che rende quasi impossibile posizionare le torce. “Quando inizia, c’è sempre un certo brivido. Devi concentrarti e non commettere errori”, spiega l’esperto.

Nella regione intorno alla Zugspitze ci sono circa 300 persone che si dedicano ai falò. “Ogni gruppo ha i suoi trucchi quando si tratta di progettare le torce. E ovviamente c’è una certa rivalità tra i paesi. Ma alla fine, per tutti conta il divertimento”, afferma Thomas.

Lermoos nella notte più corta dell‘anno.

Nel libro del rifugio sul Gartjoch sono immortalate le imagini di fuoco degli anni passati.

Accendere i falò del solstizio è una tradizione di famiglia

Alle ore 22.00 in punto, più di 10.000 punti luce verranno accesi sulle montagne del Wetterstein. Uno spettacolo impressionante. “Se tutto va bene, è un grande momento”, dice il Feurer. In questo giorno particolare anche le figlie di Thomas sono sul Gartjoch.

Suo padre lo portò ad accendere i falò per la prima volta all’età di quattro anni. “Ero molto orgoglioso di poter partecipare così giovane”, afferma. Il padre morì poco dopo. Da allora Thomas è salito in montagna per il solstizio d’estate 33 volte.

Foto: Bert Heinzlmeier & Oliver Soulas

Klaus

Dopo anni di lavoro oltreoceano, Klaus Brunner esplora la sua patria, il Tirolo, con camera e microfono. Home is where your heart is.

Sull’autore »

Nessun commento

In su
giù